Ultime notizie:

  Ieri SANREMO: AGGIORNAMENTO ALLERTA METEO        Ieri Aeroporto di Genova, nuove rotte e prospettive di crescita per il 2018        Ieri LUMINARIE DI NATALE FORNITE DA ESERCENTI LUNA PARK,DA VIA BELGRANO A PIAZZA BIXIO        Ieri IL PUNTO SULL'ALLERTA METEO DELL'ASSESSORE GIAMPEDRONE        Ieri CHIUSURA SCUOLE PER ALLERTA METEO: L'ELENCO       

REGIONE LIGURIA: CONSEGNATI GLI ELOGI A 23 AGENTI DI POLIZIA LOCALE

WED 6 Dec | Notizie - Attualità

A pochi giorni dalla Giornata mondiale della persona disabile, la vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale ha consegnato questa mattina gli elogi a 23 agenti della Polizia Locale che quest’anno, in tutta la regione, si sono distinti nella tutela dei loro diritti, facendo rispettare le normative vigenti, in particolare sul corretto utilizzo del Cude-Contrassegno unificato disabili europeo, sui posteggi dedicati, sugli attraversamenti pedonali e, più in generale, sulle strutture che garantiscono la mobilità delle persone disabili e di tutti i cittadini. Tra gli agenti premiati, anche Albino Strada e Marco Moretti, della Polizia Municipale di Genova, che quest’anno si sono impegnati in una forte azione di sensibilizzazione all’interno del Comando, elaborando un “Prontuario del contrassegno unico disabili europeo” collegato ad una applicazione per dispositivi Android che verrà installata in via sperimentale sui cellulari di servizio di tutti gli agenti affinché abbiano sempre a disposizione le indicazioni su come intervenire ed effettuare i controlli. “Siamo a ridosso Giornata mondiale della disabilità – ha ricordato la vicepresidente Viale - e oggi la ricordiamo qui in un momento che unisce il tema disabilità all’impegno della Polizia Locale su territorio. Rispettare i diritti delle persone e in particolare delle persone disabili è un segno di civiltà. Purtroppo ci si scontra con l’inciviltà di molti cittadini che occupano abusivamente questi spazi o, peggio, arrivano a utilizzare contrassegni contraffatti. La Polizia Locale sta facendo uno straordinario lavoro per impedire questi abusi e anche nell’individuazione dei Cude contraffatti. È un’attività importante perché, soprattutto tra le giovani generazioni, non deve assolutamente passare messaggio che questi abusi sono consentiti: sono comportamenti gravi che vanno individuati e puniti. Regione Liguria – ha aggiunto l’assessore alla Sanità - collabora attivamente con la Consulta regionale per la tutela dei diritti della persona disabile. Il confronto attento, avviato nell’ambito del gruppo di lavoro con le Asl, l’Inps, la Consulta e un rappresentante dei Comuni designato da Anci Liguria, ha portato all’approvazione, nel giugno scorso, di una nuova normativa per il rilascio del Cude, con linee guida e criteri più semplici e chiari per favorire chi ha realmente diritto a questo documento, una semplificazione delle procedure amministrative, un contrasto più efficace di eventuali abusi e un’applicazione omogenea su tutto il nostro territorio, così da evitare disparità di trattamento. Il prossimo passo, a cui stiamo lavorando – conclude - sarà l’avvio di una sperimentazione con l’inserimento di un microchip all’interno dei Cude per impedire falsificazioni, facilitare l’accesso nelle zone a traffico limitato delle persone disabili, rendere più efficaci i controlli”. Ad oggi in Liguria risultano titolari del contrassegno circa 18.000 cittadini (1,3% del totale), oltre la metà dei quali residenti nel Comune di Genova. Ogni anno a Genova vengono rilasciati circa 3.000 contrassegni: quelli ritirati per utilizzo improprio sono stati, da gennaio ad oggi, circa 300.

puls torna su