Ultime notizie:

  Oggi LE PRENOM AL CASINO' DI SANREMO SABATO 20 GENNAIO 2018        Oggi LA BIBLIOTECA DELL'ISTITUTO "COLOMBO" DI SANREMO E' TRA LE PIU' IMPORTANTI BIBLIOTECHE SCOLASTICHE DELLA LIGURIA        Oggi L'ANGOLO DI DANIELE LA CORTE: GALLI E DECIBEL        Ieri TURISMO, REGIONE LIGURIA: NEL 2017 MEZZO MILIONE IN PIÚ DI PRESENZE, SUPERATO RECORD STORICO.        Ieri FRANA LAVAGNA: REGIONE LIGURIA, ASSESSORE GIAMPEDRONE: RIMBORSI ESTESI AI RESIDENTI DI 9 COMUNI. COMPRESI I TERRITORI DELLA VAL PETRONIO E DELL’ALTA VAL DI VARA.       

ORA ARRIVANO IN TAVOLA GLI INSETTI. INTERVENTO DELLA COLDIRETTI

TUE 2 Jan | Notizie - Attualità - Fuori Liguria

Quello appena passato, è stato l’ultimo cenone senza insetti sulle tavole degli italiani. Lo rende noto la Coldiretti nel sottolineare che con il 2018 scatta una vera rivoluzione nel piatto con l’istituzione di un elenco di insetti autorizzati per la commercializzazione nell’Ue, nel quale saranno inizialmente inseriti gli alimenti a norma del vecchio regolamento che poi verrà aggiornato con le nuove autorizzazioni. “Si potranno vendere e comprare – sottolinea la Coldiretti – grilli e millepiedi cinesi, tarantole arrostite del Laos, vermi giganti della farina dalla Thailandia, bachi da seta all’americana, farfalle delle palme dalla Guyana francese, fritte e condite, le cimici d’acqua della Thailandia, fino agli “aperinsetti”, come vermi della farina aromatizzati alla paprica, al curry e al sale marino da mangiare con un sorso di vodka ai bachi da seta. E per chi vuole infrangere ogni barriera del gusto ci sono gli scorpioni dorati dalla Cina e neri dalla Thailandia, gli spiedini di scarabei e una vasta la scelta di grilli tutti made in Asia. Una novità – sottolinea ancora Coldiretti – che non piace al 54% degli italiani che li considerano estranei alla cultura alimentare nazionale, mentre sono indifferenti il 24%, favorevoli, il 16% e non risponde il 6%”. L’altra grande novità per la tavola del Made in Italy per il 2018 sarà l’entrata in vigore dell’etichettatura d’origine per la pasta che scatterà da febbraio. E nel 2018 si attende, infine, l’etichettatura d’origine di tutti i derivati del pomodoro.

puls torna su