Ultime notizie:

  Ieri AL PALAZZO DEL PARCO DI DIANO MARINA LA MOSTRA DI AQUA AURA        Ieri TRE ITALIANI ARRESTATI AD ALBENGA SUBITO DOPO FURTO A CERVO        Ieri SANREMO : RUBA IL SMARTHPHONE AD UN GIOVANE. ARRESTATO DAI CARABINIERI        Ieri AL PROCESSO BIS PER LA TORRE PILOTI DEL PORTO DI GENOVA LA MESSINA PARTE CIVILE        Ieri LUTTO A IMPERIA, E' MORTO IL COMMERCIALISTA DOMENICO GANDOLFO. LUNEDI' IL FUNERALE       

DA IMPERIA IN GERMANIA PER TROVARE ASILO. DUE ERITREE ASSISTITE DALLA POLIZIA

FRI 1 Dec 2017 | Notizie - Cronaca

L’Ufficio immigrazione della Questura di Imperia, nella giornata di eri, ha concluso l’attivita’ di Relocation di due giovani donne migranti di origine eritrea, accolte ad Imperia in una delle strutture messe a disposizione dalla locale Prefettura per i richiedenti asilo. Il programma di Relocation, cui hanno aderito le due straniere, e’ una delle iniziative dell’Agenda europea della migrazione, adottata dalla commissione europea nel 2015 e coinvolge Paesi che, per ragioni geografiche, sono maggiormente coinvolti rispetto ad altri dalla pressione del fenomeno migratorio. La procedura di Relocation è rivolta a migranti in evidente bisogno di protezione internazionale, poiche’ appartenenti a nazioni quali l’Eritrea, ove la percentuale di riconoscimento della protezione internazionale risulta essere pari o superiore al 75%. Le due giovani donne, che avevano varcato illegalmente la frontiera sbarcando sulle coste italiane nella primavera di quest’anno, avevano subito chiesto protezione internazionale presso la Questura di Imperia. Le giovani sono state trasportate in Germania dove il caso relativo alla loro richiesta di asilo verrà deciso e dove si potranno integrare e reperire una attività lavorativa. La Polizia di Stato a Imperia ha collaborato, nel corso dell’estate scorsa con l’Easo (European Asylum Support Office), una agenzia europea il cui scopo è sviluppare una cooperazione fattiva tra gli stati membri dell’unione europea sull’asilo e che ha inviato a Ventimiglia un gruppo di esperti in materia di protezione internazionale. Ad oggi l’Ufficio Immigrazione ha preso in carico quaranta richieste di Relocation e, venti richiedenti asilo sono già stati distribuiti in Germania, Finlandia e Svezia. In questi Stati i migranti si ricongiungono con loro famigliari o connazionali e riescono così a raggiungere il Nord Europa evitando di essere vittime dei trafficanti che, al confine francese, in cambio di denaro, offrono un passaggio per attraversare la frontiera in maniera del tutto illegale e clandestina.

puls torna su