Ultime notizie:

  Ieri CLAUDIO SCAJOLA BRINDA CON I SOSTENITORI AI SOGNI D'ESTATE        Ieri ANNINA ELENA PRESENTA “CERVO DI STREGA”        Ieri COOPERAZIONE TRA CENTO TORRI E FONDAZIONE BANCA D'ALBA AD ALBENGA, L'APPROFONDIMENTO        Ieri LA PRESENTAZIONE DEL FESTIVAL DI MUSICA DA CAMERA DI CERVO        Ieri PARTITA DEL CUORE: DOMANI, VENERDI’ 2O APRILE ALLE 11 JACK SAVORETTI IN VISITA ALL’OSPEDALE GASLINI       

AL VIEUSSEUX DI IMPERIA IN SCENA LA NOTTE DEL LICEO CLASSICO

SAT 13 Jan | Servizi - Manifestazioni / Eventi - Imperia

Si è tenuta ieri sera presso il Liceo Viesseux di Imperia la notte nazionale del liceo classico, che ha visto circa 400 Licei Classici in tutta Italia celebrare in contemporanea questo speciale evento. Tutto è nato da un’idea di Rocco Schembra, docente di Latino e Greco presso il Liceo Classico di Acireale e sostenuta dal Ministero della Pubblica Istruzione. Lo scopo è dimostrare che il liceo classico non è obsoleto, come spesso si sente dire, ma al contrario è assolutamente attuale. La notte nazionale dei licei classici è giunta alla quarta edizione, sotto il patrocinio del MIUR, dell’UNESCO e dell’Associazione Italiana di Cultura Classica. Ciascun istituto ha personalizzato le sue iniziative in base al patrimonio umano di cui dispone. Il Liceo Vieusseux ha aderito quest’anno per la prima volta, con oltre 200 allievi presenti, che hanno animato la serata mettendosi in gioco con grande entusiasmo. La serata ha preso il via alle 18, in contemporanea con tutti i licei italiani e ha visto diverse iniziative durante il corso della serata, tra cui una conferenza sui greci e l’invenzione dell’alfabeto, esibizioni musicali degli alunni del liceo, la lettura animata de “Le nuvole” di Aristofane , la lettura del 26mo canto dell’Inferno di Dante, animata da musica e immagini, e infine a conclusione della serata la lettura dell’Inno pseudomerico a Selene in contemporanea con i licei aderenti. L'evento ha voluto essere un inno festoso alla cultura classica, la dimostrazione della passione che anima studenti e docenti impegnati in questo indirizzo di studi, a testimonianza che il patrimonio degli studi antichi è quanto mai vitale e fecondo, capace di muovere gli animi dei ragazzi che, scoprendo il passato, scoprono anche se stessi.

puls torna su