Ultime notizie:

  data news SAT 20 Apr SPECIALE DI IMPERIA TV PER L'ACCADEMIA DI PASQUA DI CERVO        data news SAT 20 Apr IMPERIA LA POLIZIA DI STATO RIMPATRIA UN PERICOLOSO CITTADINO ALBANESE        data news SAT 20 Apr PASTO DEL GIOVEDI' SANTO A CESIO, LO SPECIALE        data news SAT 20 Apr AL VIA L' OPERAZIONE SCUOLE SICURE IN LIGURIA FRANCO SENAREGA LEGA : I VENDITORI DI MORTE VANNO COLPITI E CONTRASTATI DURAMENTE        data news SAT 20 Apr 5,5 MILIONI DAL PSR PER LE AZIENDE BIOLOGICHE, ECOCOMPATIBILI E ANIMALI LOCALI A RISCHIO ESTINZIONE       

ARRESTATI TRE NIGERIANI CON OLTRE 300 OVULI DI COCAINA A VENTIMIGLIA

data news
SAT 14 Apr 2018 | Notizie - Cronaca - Ventimiglia
ARRESTATI TRE NIGERIANI CON OLTRE 300 OVULI DI COCAINA A VENTIMIGLIA

I finanzieri della Guardia di Finanza hanno intercettato tre corrieri di droga che viaggiavano a bordo di due autobus partiti dalla Francia e con destinazione finale la città di Milano.
I traffici illeciti sono stati individuati anche grazie all'aiuto di due cani antidroga, un pastore tedesco ed una giovane labrador della Compagnia di Ventimiglia. Che ci fosse qualcosa che non andava lo ha chiarito subito l’evidente “interesse” nei confronti dei tre passeggeri mostrato dalle unità cinofile “PAKROS” e “CALLY” durante il giro di controllo degli autobus.

Il particolare che sia i primi due corrieri individuati lunedì, come anche il terzo fermato martedì, non avessero praticamente bagaglio ha fatto sospettare che si trattasse dei cosìddetti “ovulatori”, uomini e donne di tutte le età, vittime di trafficanti senza scrupoli che per pochi soldi li convincono a ingerire droga (eroina o cocaina) confezionata in piccole dosi che poi dovranno espellere.

Sono stati quindi portati al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Sanremo dove gli esami radiologici hanno confermato la presenza nel tratto intestinale di 313 ovuli. Terminata dopo diverse ore la loro evacuazione, sono stati sequestrati 650 grammi di eroina e 1,75 chilogrammi di cocaina. I tre corrieri nigeriani sono stati trasferiti quindi in carcere, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

pulsante torna su