Ultime notizie:

  data news Oggi 700 PERSONE A SANREMO, ALL’APERITIVO DEL GRUPPO DEI CENTO        data news Oggi A CESIO LA FESTA PER L’UOMO DELL’ANNO        data news Oggi LA RASSEGNA VALLI IN MUSICA A VILLANOVA D' ALBENGA        data news Oggi ALLA PIGNA DI SANREMO TORNA ROCK IN THE CASBAH        data news Oggi AGENZIA DIRE : TG SANITA' VACCINI. RAPPORTO AIFA 2017: SONO TRA I MEDICINALI PIU’ SICURI       

GENITORI TRA LE RIGHE: GLI INCONTRI DEDICATI AI GENITORI ALLA MONDADORI DI IMPERIA. TUTTI GLI APPUNTAMENTI

data news
MON 16 Apr | Notizie - Manifestazioni / Eventi - Imperia
GENITORI TRA LE RIGHE: GLI INCONTRI DEDICATI AI GENITORI ALLA MONDADORI DI IMPERIA. TUTTI GLI APPUNTAMENTI

Nasce dalla collaborazione tra la libreria Libreria Mondadori Imperia, la libraia Nadia, e il Comune di Imperia, nello specifico la responsabile del servizio Nidi Imperia Donata Scotti, un ciclo di appuntamenti dedicato ai genitori e ai bambini. L' evento è patrocinato e sostenuto dal progetto Nati per leggere che promuove la lettura nella primissima infanzia, 0-6 anni.La voce di un genitore che legge crea un legame solido e sicuro con il bambino che ascolta. Attraverso le parole dei libri la relazione si intensifica, essi entrano in contatto e in sintonia grazie al filo invisibile delle storie e alla magia della voce. È questo il cuore di Nati per Leggere, fornire ai genitori gli strumenti per consolidare un legame indissolubile con il proprio bambino.

PRIMO APPUNTAMENTO DI GENITORI TRA LE RIGHE
Martedì 17 aprile alle ore 18.00 presso la Mondadori di Imperia Matteo Bussola presenta Sono puri i loro sogni, Lettera a noi genitori sulla scuola, edizioni Einaudi.Matteo Bussola fa un ritratto divertito e serissimo della scuola di oggi, confrontandola con quella di quand'era piccolo lui. E si domanda perché abbiamo smesso di considerarla un luogo in cui imparare il rispetto per noi stessi e per gli altri. Quando abbiamo smesso di fidarci degli insegnanti, e abbiamo iniziato a vivere al posto dei nostri figli? Essere genitori, a volte, significa fare un passo indietro. Matteo Bussola ha tre figlie, le accompagna a scuola, le segue nei compiti, parla con gli altri genitori e partecipa pure alle chat di classe su WhatsApp. Insomma, sulla scuola ha un osservatorio privilegiato. E quindi può testimoniare che, davanti a un brutto voto, spesso i genitori si sentono messi in discussione, e per tutta risposta negano l'autorità degli insegnanti. Cosí decide di scrivere a sé stesso, e agli altri genitori, per provare a riflettere sui sensi di colpa e le paure che si nascondono dietro la mancanza di fiducia nella scuola. Con il tono caldo e intimo che è ormai la sua inconfondibile cifra, lo sguardo attento a ogni storia che incontra, parte dalla sua esperienza per scrivere una lettera a tutti noi, arrivando al cuore della nostra paura. Quella di «lasciar andare i nostri figli nel mondo, permettere che compiano i loro passi senza di noi».

SECONDO APPUNTAMENTO DI GENITORI TRA LE RIGHE
18 maggio alle ore 17.00 appuntamento dedicato ai bambini e ai loro genitori: Marco Viale presenta e racconta Sbadigli, Il Castore edizioni.
Il libro perfetto per la buonanotte e per far addormentare i bambini… Un libro da leggere insieme, con grandi e colorate illustrazioni di ancor più grandi sbadigli, per accompagnare i bambini, pagina dopo pagina, a fare la nanna.

TERZO APPUNTAMENTO DI GENITORI TRA LE RIGHE
22 maggio alle ore 18.00 Guido Marangoni presenta Anna che sorride alla pioggia, ed. Sperling & Kupfer.
Un'ora dopo aver letto l'esito del test di gravidanza, avevo già montato un canestro in giardino. «È un maschio, me lo sento!». Perché dopo due meravigliose figlie femmine era giusto, se non pareggiare i conti, almeno bilanciare un po' le parti. A Daniela l'ultima cosa che interessava era il sesso della creatura che portava in grembo. Bastava che fosse sana, diceva. Che poi è il pensiero di ogni genitore, solo che, quando la vita ti ha già messo alla prova, quel pensiero non lascia spazio a nessun altro. Poi ci fu il succo alla pera. Qualche sorso per svegliare a suon di zuccheri il piccoletto, in modo che si posizionasse a favore di ecografo. Fu quello il giorno in cui capii che mi dovevo preparare, perché qualcosa stava davvero per cambiare. Quando la dottoressa ci convocò e senza tanti preamboli ci disse: «Si tratta della trisomia 21», invece, capii un'altra cosa: che Daniela era già pronta. «È maschio o femmina?», chiese, lasciandomi a bocca aperta ancora una volta. Perché adesso sì, l'unica cosa che contava era sapere chi sarebbe arrivato nella nostra famiglia. Era Anna la buona notizia che stavamo aspettando.

pulsante torna su