Ultime notizie:

  data news Oggi Dl Semplificazioni, Conte "Trampolino di lancio Italia, ok a 130 opere"        data news Oggi Libri, esce il 'Diario al tempo del coronavirus' di Italo Cucci        data news Oggi Parkinson e Levodopa, uno studio ne dimostra l'efficacia di lunga durata        data news Oggi In Italia emergenza abitativa per 1,5 milioni di famiglie        data news Oggi "Capi, colleghi carriere. Questi sconosciuti", il nuovo libro di Morelli       

Gravina "Dopo stop campionato francese momento piu' difficile"

data news
MON 1 Jun | Italpress
Gravina 'Dopo stop campionato francese momento piu' difficile'

ROMA (ITALPRESS) - "Qual e' stato il momento piu' difficile in questo periodo? Ce ne sono stati diversi, ma quello piu' significativo e' stato il giorno in cui e' arrivata la comunicazione dello stop al campionato francese". Lo ha dichiarato il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, ai microfoni di 'Tutti Convocati' su Radio 24. "Il fatto che, all'interno del panorama europeo, una delle 'big five' sia venuta meno meno mentre gli altri Paesi stavano ancora decidendo - ha spiegato il numero uno del calcio italiano - ha creato un problema, ma abbiamo mantenuto la barra dritta e il risultato e' stato importante per tutti". Il numero uno della Federcalcio esamina le proposte dell'Assocalciatori, in particolare la questione taglio stipendi e l'orario delle gare, a pochi giorni dalla presumibile ripartenza del campionato. "Alcune richieste avanzate dai calciatori sono legittime, altre un po' meno. I giocatori sono una componente fondamentale del mondo del calcio, ma sanno benissimo che dall'emergenza si esce solamente se restiamo tutti uniti: questo non significa portare a casa il miglior risultato, ma avere la responsabilita' e la maturita' di fare qualche piccola rinuncia".

Il numero uno della Federcalcio ha anche annunciato di voler mandare "una nuova proposta sulla misura dell'isolamento di tutta la squadra in caso di nuovo contagio: speriamo possa trovare spazio una rivisitazione della norma che potrebbe rivelarsi dannosa e oggi crea grande ansia e preoccupazione nel movimento". Infine, sulla possibilita' degli stadi almeno parzialmente aperti dal mese di luglio ha concluso:"E' un auspicio, oggi e' prematuro parlarne, ma me lo auguro di cuore".

(ITALPRESS).

spf/gm/red

01-Giu-20 14:57

pulsante torna su