Ultime notizie:

  data news TUE 11 Aug Ferrarini, Intesa Sanpaolo guida la cordata per il rilancio        data news TUE 11 Aug Gasperini "Col Psg è dura ma c'è fiducia di poter fare bene"        data news TUE 11 Aug Coronavirus, nuovi casi in rialzo        data news TUE 11 Aug Roma, da Grillo via libera a Raggi per la ricandidatura "Daje!"        data news TUE 11 Aug Bonus Inps, Garante Privacy "Niente ostacoli a pubblicazione dei nomi"       

Ue, Gentiloni "Ripresa potrebbe rivelarsi contrastata"

data news
THU 2 Jul | Italpress
Ue, Gentiloni 'Ripresa potrebbe rivelarsi contrastata'

ROMA (ITALPRESS) - "Ci troviamo ancora di fronte a una lunga coda di incertezza, quindi pur essendo tornati in tutti i paesi europei in una situazione di significativo calo dei livelli di contagio e pur non essendoci al momento, se non in situazioni circoscritte, delle seconde ondate di infezione, ci troviamo in una situazione di incertezza dovuta al fatto che nessuno puo' prevedere l'evoluzione nei prossimi mesi. Nelle nostre previsioni economiche questa incertezza si fara' sentire. La ripresa potrebbe rivelarsi piuttosto contrastata". Lo ha detto il Commissario europeo per l'Economia, Paolo Gentiloni, in audizione presso la commissione Politiche Ue della Camera. "Siamo tutti consapevoli della gravita' senza precedenti e delle conseguenze economiche di questa crisi, le conseguenze vanno al di la' dei paesi piu' direttamente colpiti. Tutti i paesi che hanno vissuto esperienze di lockdown saranno alle prese con conseguenze economiche serie", ha aggiunto.

Ecco perche', ha osservato, "le sfide europee, per quanto sia giusto dire che la reazione sia stata forte e tempestiva, sono tutte ancora aperte. Abbiamo bisogno entro il mese di luglio, prima delle pause estive, di approvare questo piano e non dimentichiamo che la fase di attuazione sara' piena di problemi inediti, ma anche di grandissime opportunita'".

Secondo Gentiloni "bisogna tenere conto che la sostenibilita' del debito, soprattutto in alcuni paesi tra cui l'Italia, e' uno dei problemi del futuro, e che la discussione di questi mesi non puo' cancellare. Non c'e' dubbio che la Commissione ha invitato tutti i paesi a spendere, a farlo preso e intervenire in modo massiccio, ha creato le condizioni dal punto di vista regolamentare senza dover tener conto dei vincoli che normalmente regolano i nostri bilanci europei. Ma bisognera' pensare, nel medio e lungo termine, a riportare il nostro debito in una situazione stabile e in una traiettoria discendente", ha concluso.

(ITALPRESS).

tan/ads/red

02-Lug-20 09:32

pulsante torna su