Ultime notizie:

  data news Ieri Fitch conferma il rating dell'Italia a BBB-, outlook stabile        data news Ieri Elicottero precipita nel Tevere, si cerca l'equipaggio        data news Ieri Sarri come Guardiola "Contro l'Atalanta come dal dentista"        data news Ieri Assopopolari, Sforza Fogliani riconfermato presidente all'unanimita'        data news Ieri Coronavirus, aumentano ancora i nuovi positivi, stabili i decessi       

TURISMO: DA LUGLIO 2015 A GIUGNO 2015 PRESENZE CRESCONO DEL 19,18% RISPETTO AI 4 ANNI PRECEDENTI.

data news
MON 2 Dec 2019 | Notizie - Attualità - Liguria
TURISMO: DA LUGLIO 2015 A GIUGNO 2015 PRESENZE CRESCONO DEL 19,18% RISPETTO AI 4 ANNI PRECEDENTI.

Nel periodo compreso tra luglio 2015 e giugno 2019 gli arrivi turistici in Liguria sono stati 18 milioni e 728mila, e 60 milioni e 543mila le presenze. Nel periodo compreso tra luglio 2011 e giugno 2015, rispettivamente, erano stati 15milioni e 714mila e 54milioni e 217mila. “Numeri che, se semplicemente raffrontati, comunicano una notizia che si commenta da sola – spiega il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti- : nei 4 anni del nostro mandato il turismo è cresciuto del 19,18% sul fronte arrivi e dell’11,67 sulle presenze. Tutto questo nonostante questi non siamo stati anni facili per la Liguria. Si tratta di risultati che sono il frutto di un impegno costante e della ritrovata vitalità di questa terra, che era stufa di nascondersi e di chiudersi al turismo, ma anche, naturalmente, delle campagne di promozione e valorizzazione che hanno portato in giro per il mondo l’immagine della Liguria”.
In questi giorni è in corso la nuova iniziativa di Regione Liguria, dal titolo “Liguria, terra d’olio e di vino”: immagini e video raccontano le produzioni tipiche di olio e vino della Liguria, nelle sue declinazioni più territoriali e specifiche, mettendo in risalto la grande varietà delle produzioni enogastronomiche di questa terra. La campagna, partita l’11 novembre con la “vela” di piazza Gae Aulenti, dal 25 novembre è approdata alla stazione di Milano Centrale e negli aeroporti di Malpensa, Torino Caselle, Genova e Orio al Serio.

“Tornando ai numeri – prosegue Toti – il dato su cui è necessario soffermarsi è quello delle presenze: si tratta di 6 milioni in più. Adattando una stima proposta da qualcuno per fare polemica nei giorni scorsi, e quindi calcolando una media di 100 euro a notte per ognuna di esse, il risultato è semplice. Sono 600milioni di euro in più per gli albergatori della Liguria: cifre che significano guadagni, lavoro e occupazione per i liguri”.

Lusinghieri anche i dati relativi all’ultimo censimento degli appartamenti in affitto a uso turistico: al 18 novembre 2019 risultano 22mila 218 per oltre 100mila posti letto. “Innanzitutto è importante rilevare – aggiunge l’assessore al Turismo Gianni Berrino – che gli arrivi e le presenze in queste strutture non vengono conteggiati, e quindi la realtà degli arrivi e delle presenze in Liguria è ancora più alta dei dati, già ottimi, emersi oggi sul fronte alberghiero. Poi il censimento è frutto di una seria e concreta lotta all’abusivismo che ha portato a censire in questi 4 anni e pochi mesi un numero di alloggi 8 volte superiore rispetto al momento del nostro insediamento”.

pulsante torna su