Ultime notizie:

  data news Ieri GENOVA, DOMANI INCONTRO PER MISURE STRAORDINARIE TRASPORTO EXTRAURBANO        data news Ieri CROLLO DEL PONTE MORANDI, LE CASE SOTTOSTANTI VERRANNO DEMOLITE        data news Ieri SANREMO: BANDIERA A MEZZ'ASTA AI BAGNI NETTUNO IN SEGNO DI LUTTO PER LE VITTIME DI GENOVA        data news Ieri SANREMO: CROLLO DEL PONTE "MORANDI", LE CONDOGLIANZE DELLA SANREMESE PER LA MORTE DI GIORGIO DONAGGIO        data news Ieri Crollo Ponte Morandi, Banca Carige apre il conto corrente per le donazioni a favore familiari delle vittime       

DECLASSAMENTO DI CHIRURGIA VASCOLARE PER CLAUDIO SCAJOLA UN' ATTEGGIAMENTO INACCETTABILE DELLA REGIONE

data news
THU 9 Aug | Notizie - Cronaca - Imperia
DECLASSAMENTO DI CHIRURGIA VASCOLARE PER CLAUDIO SCAJOLA UN' ATTEGGIAMENTO INACCETTABILE DELLA REGIONE

Il sindaco di Imperia, on. Claudio Scajola, interviene sul declassamento del reparto di Chirurgia Vascolare dell'Ospedale di Imperia deciso dalla Regione Liguria.
“È una decisione che ci trova assolutamente contrari”, dichiara il primo cittadino. “Non accettiamo questo atteggiamento della Regione che incide così pesantemente sul nostro territorio. In sinergia con Sanremo, che sta vivendo la stessa situazione con il reparto di Gastroenterologia, metteremo in campo tutte le iniziative utili per opporci a questa decisione”.
“Nel prossimo Consiglio Comunale sarà istituita la Commissione Sanità e la prima questione che dovrà affrontare sarà proprio questa”, prosegue Scajola. “È una decisione che la Regione e i vertici dell'Asl dovranno giustificare in maniera urgente, data anche la mancanza di un'adeguata comunicazione preventiva. Mi auguro che evitino di appellarsi, come ho visto fare in queste ore, al Decreto Balduzzi. In altre zone della nostra regione è stato ampiamente derogato”.
“La scelta della Regione manca inoltre di lungimiranza”, sottolinea il sindaco. “Nelle scorse settimane ho rilanciato la questione dell'Ospedale Nuovo Provinciale, chiedendo di uscire dalla fase della poca chiarezza e di mettere le carte sul tavolo. Declassare oggi due assolute eccellenze della sanità del Ponente ligure significa svuotare già in partenza l'offerta sanitaria della futura struttura”.

pulsante torna su