Ultime notizie:

  data news Oggi SPIAGGE, PRESIDENTE TOTI: 'ANNULLAMENTO CONCERTO JOVANOTTI NON PUO’ ESSERE OCCASIONE PER ALLARMISMI FUORI LUOGO'        data news Oggi ESPLODE UNA PALAZZINA ALL'ISOLA D'ELBA, UN MORTO E UN DISPERSO        data news Ieri VERTICE SUL MERCATO A NANCHINO IN CASA INTER, IN RITIRO ARRIVA GODIN        data news Ieri FIORETTO DONNE VINCE L'ARGENTO AI MONDIALI, ITALIA A SETTE MEDAGLIE        data news Ieri SALVINI ATTACCA TONINELLI "BLOCCA INFRASTRUTTURE E LICENZIA PRO-TAV"       

IMPERIA: MIGRANTI VOLONTARI PER I LAVORI DI PUBBLICA UTILITÀ, FIRMATA LA CONVENZIONE

data news
WED 6 Mar | Notizie - Cronaca - Imperia
IMPERIA: MIGRANTI VOLONTARI PER I LAVORI DI PUBBLICA UTILITÀ, FIRMATA LA CONVENZIONE

A Imperia migranti volontari per i piccoli lavori di manutenzione. È questo l'oggetto della convenzione siglata ieri a Palazzo Civico tra il Comune e i gestori dei centri di accoglienza. Ad apporre la firma: il sindaco Claudio Scajola, l'assessore Luca Volpe e i rappresentanti de Il Faggio, L'Ancora, Pro.Ge.S.T., Goccia, Jobel, Io Sono.

I volontari costituiranno una squadra di massimo 20 persone, che cambieranno ogni tre mesi. Svolgeranno attività di supporto alla logistica di eventi culturali-turistici, alla piccola manutenzione degli spazi comunali, alla pulizia di aree verdi non coperte da servizi già appaltati e alla pulizia delle spiagge.

Il fine della convenzione è collaborare all'inserimento dei migranti all'interno della realtà sociale che li ospita. Tutte le attività oggetto della convenzione non prevedono erogazione di contributi a carico del Comune. Ai migranti che decideranno di aderire verrà rilasciato al termine un attestato di svolgimento di mansioni di pubblica utilità, allo scopo di agevolarne l'integrazione sul territorio.

“L'accoglienza dei migranti è un tema complesso che merita risposte serie e articolate”, commenta l'assessore con delega all'Immigrazione, Luca Volpe. “Imperia continua ad ospitare un numero molto elevato di migranti, molti di più dei comuni vicini, ma grazie al modello dell'accoglienza diffusa si è riusciti a rendere meno impattante il fenomeno. L'Amministrazione crede che coinvolgere questi ragazzi in lavori di pubblica utilità sia la strada giusta per garantire al contempo più sicurezza e più solidarietà”.

pulsante torna su