Ultime notizie:

  data news TUE 11 Aug Ferrarini, Intesa Sanpaolo guida la cordata per il rilancio        data news TUE 11 Aug Gasperini "Col Psg è dura ma c'è fiducia di poter fare bene"        data news TUE 11 Aug Coronavirus, nuovi casi in rialzo        data news TUE 11 Aug Roma, da Grillo via libera a Raggi per la ricandidatura "Daje!"        data news TUE 11 Aug Bonus Inps, Garante Privacy "Niente ostacoli a pubblicazione dei nomi"       

IL 2019 IN LIGURIA SI E' CONCLUSO CON L'ENNESIMO RISCHIO PER GLI UTENTI DELLA STRADA CON IL CROLLO DI PARTE DEL SOFFITTO DI UNA GALLERIA SULLA A 26

data news
FRI 3 Jan | Notizie - Cronaca - Liguria
IL 2019 IN LIGURIA SI E' CONCLUSO CON L'ENNESIMO RISCHIO PER GLI UTENTI DELLA STRADA CON IL CROLLO DI PARTE DEL SOFFITTO DI UNA GALLERIA SULLA A 26

L'incidente si è verificato il 30 dicembre 2019 nella galleria Bertè, sulla A26 in direzione Genova, con conseguente chiusura del tratto tra Masone e il bivio A26/A10. Fortunatamente nessuna persona è stata coinvolta nel crollo.

Al contrario, le conseguenze per la viabilità sono state pesanti: per gli automobilisti è stata imposta l'uscita obbligatoria di Masone, mentre i mezzi pesanti sono rimasti in coda.

Immediata la reazione da parte del Governo che, con una conferenza urgente tra MIT e Aspi, ha affrontato i seguenti temi: distacco di parte del soffitto della galleria Bertè, accelerazione dei tempi di manutenzione, istituzione di un osservatorio MIT-Aspi sui controlli realizzati dalla società concessionaria, aiuto economico al Porto di Genova.

Aspi ha riferito alla Ministra De Micheli che "la Galleria Bertè aveva recentemente superato positivamente e senza criticità le verifiche condotte dalla società di controllo Spea. Sono, pertanto, in corso analisi di approfondimento".

Inoltre, Aspi ha comunicato che "per quanto riguarda i pedaggi, è stata attivata una riduzione del 50% della tariffa nella tratta Varazze-Pra, che si aggiunge alle altre esenzioni già in essere per la cerchia cittadina genovese e per i tratti tra Chiavari-Rapallo della A12 e Masone-Ovada della A26, finalizzati a favorire gli automobilisti che non possono utilizzare la viabilità locale, dove sono in corso lavori di messa in sicurezza idrogeologica."

A tali misure, si aggiunge anche la riduzione del 50% del pedaggio per le percorrenze comprese tra Ovada (A26) e Albissola (A10) per i disagi che potrebbero verificarsi per i lavori di messa in sicurezza della galleria Bertè.

Infine, come richiesto dal MIT, Aspi terminerà i controlli sulle gallerie di competenza entro due mesi, per i quali verrà anche utilizzato il georadar.

pulsante torna su