Ultime notizie:

  data news Oggi Al via l'anno accademico dell'Universita' Europea di Roma        data news Oggi Miglior tempo Raikkonen a Barcellona, polemiche sul volante Mercedes        data news Oggi Vertenze del pubblico impiego, la Confsal chiede chiarezza al Governo        data news Oggi PUNTO DI INCONTRO IL QUESTORE CESARE CAPOCASA        data news Oggi Premio "Forza, Passione e Identita'" per ricordare Giuliano Gemma       

TAGGIA TRUFFA DELLO SPECCHIETTO I CASRABINIERI ARRESTANO UNA COPPIA DI CONIUGI ITALIANI

data news
MON 24 Jun 2019 | Notizie - Cronaca - Taggia
TAGGIA TRUFFA DELLO SPECCHIETTO I CASRABINIERI ARRESTANO UNA COPPIA  DI CONIUGI ITALIANI

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Imperia hanno tratto in arresto una coppia di coniugi italiani, già noti alle Forze dell’Ordine, resasi responsabile di una truffa ai danni di un’anziana residente a Imperia. I fatti risalgono alla fine di agosto 2018, allorquando la vittima 83enne, nell’attraversare in auto il centro di Taggia, veniva fermata da una coppia di sconosciuti che, fingendosi scossi ed arrabbiati, hanno compiuto la c.d. “truffa dello specchietto”, accusando l’anziana di aver danneggiato lo specchietto della propria autovettura e facendosi contestualmente consegnare 400 euro in contanti a titolo di risarcimento. Qualche giorno dopo, avendo realizzato l’accaduto, la vittima ha denunciato i fatti ai Carabinieri del Nucleo Investigativo che hanno avviato un’attività di indagine, durata alcuni mesi, che ha portato all’identificazione degli autori, due coniugi dimoranti nel milanese.
L’attività si è conclusa con l’esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare emesse dal GIP di Imperia, che ha concordato con i risultati delle indagini svolte dai militari dell’Arma. I due truffatori sono stati rintracciati in un campeggio nel savonese - alla cattura hanno collaborato i militari della Compagnia di Albenga - e, da lì, trasferiti agli arresti domiciliari in Lombardia.
L’evento rimarca, da un lato, l’importanza e la necessità - quando qualcuno risulti vittima sia di questo reato, sia di ogni altro tipo di azione illecita - di denunciare l’accaduto, anche se sono passati diversi giorni; dall’altro, l’utilità dell’impegno profuso dall’Arma dei Carabinieri nella prevenzione e repressione dell’odioso e vile fenomeno delittuoso delle truffe agli anziani, che mira a colpire le categorie più deboli ed indifese.
A tal proposito, nel corso dell’ultimo anno, nell’intera Provincia di Imperia, i Carabinieri hanno organizzato incontri presso circoli ricreativi, parrocchie e scuole, cercando di raggruppare il maggior numero possibile di anziani, atteso che il tipo di delitto può essere combattuto non solo attraverso l’azione di contrasto, ma anche con una costante campagna di prevenzione. I Comandanti delle Compagnie e delle Stazioni hanno illustrato alla platea le principali ed attuali tecniche utilizzate dai truffatori per raggirare le vittime, tratti dall’esperienza operativa della nostra provincia: l’offerta di abbonamento a riviste, il falso incidente stradale, la proposta di acquisto di pietre preziose (che poi si rivelano “fondi di bottiglia”), la presunta fuga di gas con la richiesta di mettere da parte oro e denaro per evitare la contaminazione, l’avvocato che chiede una “cauzione” per il rilascio di un parente arrestato dalle forze di polizia, il versamento di una piccola somma a titolo di beneficenza con la compilazione di moduli in cui devono essere indicate coordinate bancarie e dati personali (con cui, in seguito, i truffatori “entrano” nella vostra banca), la consegna del pacco acquistato dal nipote o dal figlio, l’offerta di essere accompagnati a prelevare allo sportello automatico, la proposta di acquisto di un elettrodomestico a prezzo particolarmente conveniente (salvo scoprire in seguito che il promotore è estraneo alla catena commerciale), la richiesta di un anticipo per spese notarili necessarie per “sbloccare” un’eredità.
I partecipanti sono stati invitati a seguire alcune raccomandazioni fondamentali: dal prestare sempre e comunque molta attenzione alle persone che ci avvicinano al diffidare delle apparenze; dal non aprire agli sconosciuti all’evitare di eseguire, a domicilio, pagamenti in contanti; dal non fidarsi di un qualsiasi tesserino esibito da estranei - nel caso, chiamare sempre il 112 o la Stazione Carabinieri - all’essere sempre prudenti nel fornire informazioni al telefono; dall’evitare di farsi distrarre - se qualcuno è entrato in casa con un pretesto - al cercare di non restare mai soli, creando buoni rapporti di vicinato.
Infine, presso ogni Comando dell’Arma o agli stand che il Comando Provinciale allestisce in occasione di feste in provincia (in questi giorni, ad Imperia, i Carabinieri sono presenti in Calata Cuneo presso la Fiera di San Giovanni), è disponibile una brochure, realizzata appositamente sull’argomento, in cui vengono indicati alcuni consigli tematici ed i recapiti delle Stazioni Carabinieri.

pulsante torna su