Ultime notizie:

  data news Oggi Coronavirus, Ripartiti i treni fermi al Brebbero, nessuna positivita'        data news Ieri Coronavirus: Ferrovie Austria "Oggi chiuso il Brennero"        data news Ieri CORONAVIRUS, IL SINDACO DI MENTONE CHIEDE CONTROLLI SANITARI AL CONFINE        data news Ieri CORONAVIRUS, SCUOLE CHIUSE IN TUTTA LA LIGURIA. ORDINANZA DELLA REGIONE        data news Ieri La Roma cala il poker e batte il Lecce all'Olimpico       

VENTIMGLIA TENTA DI RUBATA AUTO CON LA PROPRIETARIA ALL' INTERNO ARRESTATO DALLA POLIZIA DI STATO

data news
THU 7 Nov 2019 | Notizie - Cronaca - Ventimiglia
VENTIMGLIA TENTA DI RUBATA AUTO CON LA PROPRIETARIA ALL' INTERNO ARRESTATO DALLA POLIZIA  DI STATO

La Polizia di Stato ha indagato in stato di libertà un cittadino straniero, di origine
cingalese, per ubriachezza, porto di oggetti atti ad offendere e violenza privata.
L’uomo è stato rintracciato in pochi minuti dagli Agenti del Commissariato di Pubblica
Sicurezza di Ventimiglia intervenuti ieri sera, nel pieno centro cittadino, dopo che
una donna aveva allertato il numero per le emergenze 112.
La donna segnalava alla Sala Operativa che un uomo aveva tentato di aprire la
portiera della sua autovettura non accorgendosi che la stessa era seduta all’interno
per poi scappare non appena si avvedeva della sua presenza.
La Squadra Volante del Commissariato, sopraggiunta rapidamente, dopo aver
raccolto dalla richiedente la descrizione dell’uomo, perlustrava tutta l’area
circostante e in poco tempo riusciva ad individuare e fermare lo straniero mentre si
nascondeva in un bar situato nelle vicinanze.
La vittima riconosceva subito l’uomo, identificato per B.M., 32 anni, proveniente dallo
Sri Lanka e titolare di un regolare permesso di soggiorno francese.
Il cingalese, in grave stato di alterazione alcolica, veniva sanzionato per manifesta
ubriachezza in luogo pubblico (la legge in tali casi prevede una sanzione
amministrativa pecuniaria da 51 a 309 euro); lo stesso veniva altresì trovato in
possesso di un taglierino con lama, del cui possesso non sapeva dare spiegazione e,
pertanto, denunciato per porto di oggetti atti ad offendere e tentata violenza privata.

pulsante torna su