Ultime notizie:

  data news Oggi IMPERIA MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA ED AGGRESSIONE ALLE FORZE DELL' ORDINE ARRESTATO DALLA POLOZIA DI STATO        data news Oggi INCONTRO SULL'URBANISTICA A VALLECROSIA, SINDACO BIASI: ''FONDAMENTALE LA VICINANZA DELLA REGIONE''        data news Oggi VALLECROSIA: INCONTRO CON L'ASSESSORE MARCO SCAJOLA SULLE NOVITA' IN MATERIA URBANISTICA        data news Oggi 23° EDIZIONE DI ''LIBRI DA GUSTARE'', PREMIO AL LIBRO PIU' GUSTOSO DELL'ANNO        data news Oggi SANREMO: NASCE IL MOVIMENTO POLITICO ''CIVILTA' LIBERALE''       

VENTIMIGLIA LA POLIZIA DI STATO DENUNCIA DUE PERSONE PER TRUFFA FALSO IN TITOLI DI CREDITO E DANNEGGIAMENTO AGGRAVATO

data news
THU 14 Nov 2019 | Notizie - Cronaca - Ventimiglia
VENTIMIGLIA LA POLIZIA DI STATO DENUNCIA DUE PERSONE PER TRUFFA FALSO IN TITOLI DI CREDITO E DANNEGGIAMENTO AGGRAVATO

Nella giornata di ieri il personale del Commissariato P.S. di Ventimiglia ha proceduto
nei confronti di due soggetti, entrambi italiani.
Nel primo caso i poliziotti hanno denunciato a piede libero un uomo di 40 anni,
residente in provincia di Torino e con pregiudizi di polizia, il quale, a seguito delle
indagini svolte, risultava aver dato in pagamento un assegno contraffatto. Dopo aver
circuito un signore originario di Sanremo che aveva posto in vendita su un noto sito
on line un braccialetto del valore di circa 8.000 euro, riusciva ad entrare in possesso
del monile pagandolo con un assegno circolare abilmente falsificato e rendendosi poi
irreperibile.
A seguito delle ricerche, anche sul sito in questione, il truffatore veniva individuato e
raggiunto dai poliziotti, che lo denunciavano per truffa e falso in titoli di credito.
Nel secondo caso, invece, un uomo originario e residente a Ventimiglia, di 50 anni,
dopo aver atteso che gli operai del comune terminassero di realizzare la nuova
pavimentazione di un tratto di marciapiede di via Roma, si avvicinava e rimuoveva le
mattonelle messe in posa nel cemento fresco, per poi distruggerle vanificando il
lavoro di ripristino appena svolto, motivando il gesto come una “vendetta” personale.
Gli agenti, pertanto, lo denunciavano per il reato di danneggiamento aggravato.

pulsante torna su