Ultime notizie:

  data news SAT 20 Apr SPECIALE DI IMPERIA TV PER L'ACCADEMIA DI PASQUA DI CERVO        data news SAT 20 Apr IMPERIA LA POLIZIA DI STATO RIMPATRIA UN PERICOLOSO CITTADINO ALBANESE        data news SAT 20 Apr PASTO DEL GIOVEDI' SANTO A CESIO, LO SPECIALE        data news SAT 20 Apr AL VIA L' OPERAZIONE SCUOLE SICURE IN LIGURIA FRANCO SENAREGA LEGA : I VENDITORI DI MORTE VANNO COLPITI E CONTRASTATI DURAMENTE        data news SAT 20 Apr 5,5 MILIONI DAL PSR PER LE AZIENDE BIOLOGICHE, ECOCOMPATIBILI E ANIMALI LOCALI A RISCHIO ESTINZIONE       

NELLO GIUSTO PRESENTA IL SUO NUOVO LIBRO SU ANDORA

data news
WED 5 Dec 2018 | Notizie - Cultura e Spettacolo - Andora
NELLO GIUSTO PRESENTA IL SUO NUOVO LIBRO SU ANDORA

Andora - “Anni ‘60-2000 - I grandi cambiamenti ad Andora e in Italia” è il nuovo libro di Nello Emanuele Giusto (nella foto) protagonista della terza edizione di “Storie Andoresi”, in programma giovedì 6 dicembre, alle ore 17.30, a Palazzo Tagliaferro. Un viaggio che ricostruisce l’evoluzione culturale, economica e sociale di Andora e di una nazione passata attraverso il boom economico e approdata alla modernità. Nessun nostalgia, ma un’analisi di ciò che è cambiato insieme a qualche riflessione personale. Il libro propone al lettore il viaggio nell’Andora di un tempo: la piana agricola, la vita nelle borgate, i luoghi di aggregazione, la nuova economia legata al turismo che cambiò insieme all’edilizia il volto e le abitudini di Andora.
«Ancora una volta la rassegna propone un viaggio nell’Andora di un tempo attraverso un testimone diretto che ha vissuto quei cambiamenti e che li ha fissati in questo nuovo libro davvero pregevole perché inquadra il paese ligure anche nell’evoluzione culturale di un’intera Nazionale - spiega Maria Teresa Nasi, Assessore alla Cultura e ideatrice di Storie Andoresi - La presentazione sarà accompagnata da proiezioni di immagini d’epoca e contemporanee che mostreranno i grandi cambiamenti avvenuti ad Andora. Un patrimonio di ricordi che consegniamo ai giovani affinché sappiano apprezzare la storia del loro paese».

pulsante torna su