Ultime notizie:

  data news TUE 11 Aug Ferrarini, Intesa Sanpaolo guida la cordata per il rilancio        data news TUE 11 Aug Gasperini "Col Psg è dura ma c'è fiducia di poter fare bene"        data news TUE 11 Aug Coronavirus, nuovi casi in rialzo        data news TUE 11 Aug Roma, da Grillo via libera a Raggi per la ricandidatura "Daje!"        data news TUE 11 Aug Bonus Inps, Garante Privacy "Niente ostacoli a pubblicazione dei nomi"       

AK INFORMA: LE ORCHE GIUNTE PIU’ DI UN MESE FA NEL MAR LIGURE STANNO TORNANDO A ''CASA''

data news
TUE 7 Jan | Notizie - Informazione
AK INFORMA: LE ORCHE GIUNTE PIU’ DI UN MESE FA NEL MAR LIGURE STANNO TORNANDO A ''CASA''

Relazione del Centro Studi del Mare AK di Savona (a cura di Max Calzia)
Il centro studi AK del mare di Savona ha costantemente monitorato le orche che per giorni hanno
stazionato davanti a Genova-Voltri, assistendo impotenti all’agonia e poi alla morte del loro cucciolo. La
madre l’ha tenuto a galla per più di 4 giorni, ma poi l’ha dovuto abbandonare. Ora i biologi e i veterinari
dell’Acquario di Genova, una volta recuperata la carcassa, dovranno appurare la causa del decesso.
Si fanno avanti alcune ipotesi, forse un virus che ha già ucciso nel Mediterraneo diversi delfini, oppure
l’ingestione da parte del piccolo mammifero marino di qualche busta di plastica (anche se quest’ultima
tesi è molto improbabile, poiché il cucciolo si nutriva ancora del latte materno). Quello che ci ha lasciato
perplessi è perché abbiano deciso di portare il piccolo già moribondo lungo le coste della Liguria.
Intanto abbiamo appurato che questo gruppo proviene dal mare islandese; è stata per prima la biologa
Filipa Samara, che attraverso la configurazione delle pinne dorsali e delle vocalizzazioni tra i cetacei, ha
individuato queste orche come presenze costanti al largo dell’Islanda. Il gruppo fino a qualche giorno fa
era formato da un maschio e dalla femmina che ha terso il piccolo più due altre orche che si pensa siano
anch’esse femmine, forse sorelle della prima. Quello che ci preoccupava fino a poco fa erano le
condizioni di salute di un quarto membro del gruppo, forse un’orca femmina, non la madre che ha perso
il piccolo. Questo cetaceo dall’ultimo rilevamento appariva con la pelle squamata e
dimagrito. Dall’avvistamento al largo dello stretto di Sicilia sembrerebbe che il gruppo fosse composto
solo da tre elementi. E la quarta orca?

pulsante torna su