Ultime notizie:

  data news Oggi L' IRRIVERENTE : LORENA NATTERO        data news Oggi IMPERIA UN GRAVE OLTRAGGIO E VILIPENDIO PERPETRATI NEI CONFRONTI DI DUE POLIZIOTTI IN SERVIZIO DI VIGILANZA        data news Oggi SANREMO CONTINUANO I CONTROLLI STRAORDINARI DELLA POLIZIA DI STATO IERI RIAMMESSO IN FRANCIA UNO STRANIERO DI 41 ANNI        data news Oggi AGRICOLTURA: LA LIGURIA QUALE CUSTODE DI BIODIVERSITA’        data news Oggi BRONZO EUROPEO PER NEGRI E KLEEN A RIVA DEL GARDA r       

CASINO' DI SANREMO : MARTEDI' 19 MARZO ORE 16.30 NELL’AMBITO DEI MARTEDÌ LETTERARI PRESENTAZIONE DEL IL LIBRO:”QUEI PATTI BENEDETTI”

data news
MON 18 Mar | Notizie - Manifestazioni / Eventi - Sanremo
CASINO'  DI SANREMO : MARTEDI' 19 MARZO ORE 16.30 NELL’AMBITO DEI MARTEDÌ LETTERARI PRESENTAZIONE DEL IL LIBRO:”QUEI PATTI BENEDETTI”

Martedì 19 marzo ore 16.30 nel teatro dell’Opera nel novantesimo dei Patti Lateranensi Giancarlo Mazzucca presenta il libro:”“Quei patti benedetti” (Mondadori). Introduce l’autore Carlo Sburlati. L’incontro è inserito nell’ambito del Programma di Formazione dei Docenti.
L’incontro con il dott. Gennario Sangiuliano è posticipato al 21 maggio.
Al termine dell’evento intorno alle ore 18.00 verrà inaugurata la mostra di Elena Frontero curata dalla dott.sa Federica Flore. “Poche figure nel panorama artistico contemporaneo danno vita ad un mondo onirico e realistico allo stesso tempo quanto Elena Frontero fa con le sue opere.
Coinvolta profondamente nelle vicende liguri, la Frontero si manifesta figlia adottiva di questa terra tanto da identificarsi nella sua luce, nella sua anima a tratti oscura, totalmente e senza riserve.
La visione poetica che contraddistingue le opere di questa artista matura nella grazia delle prime età dell’uomo, nella coerenza dei paesaggi naturali, nella gratitudine spirituale e nell’onirico. “ Scrive della prof.sa Frontero Federica Flore.
Quei patti Benedetti (Mondadori)
Il 1929 era cominciato con un’ottima notizia: l’11 febbraio, il cardinale Pietro Gasparri, segretario di Stato di Pio XI, e il capo del governo fascista, Benito Mussolini, avevano firmato i Patti Lateranensi. Un accordo davvero storico che cercava di porre fine a ottant’anni di guerre e tensioni tra la Chiesa e l’Italia. Per quasi un secolo, infatti, i destini del potere temporale del vicario di Cristo, del Vaticano e della stessa città di Roma restarono molto incerti. Tanti gli episodi di quel braccio di ferro: la fuga di papa Pio IX, l’interregno della Repubblica Romana e la restaurazione papale con le armi del «traditore» Napoleone III. E, poi, ancora: la breccia di Porta Pia, il Sillabo, il Patto Gentiloni fino alla Marcia su Roma. In tutti quegli anni, numerosi protagonisti cercarono inutilmente di instaurare un dialogo tra lo Stato della Chiesa e la nuova Italia dei Savoia.
Poi, nel 1929, arrivarono finalmente i Patti Lateranensi, firmati nel Palazzo di San Giovanni in Laterano. Furono il frutto di un intenso lavoro di diplomazia, tra un «incidente» e l’altro, e vennero strutturati in tre parti: il Trattato vero e proprio (che istituiva la Città del Vaticano, una enclave in mezzo a Roma che prevedeva l’extraterritorialità delle basiliche di San Pietro e di San Giovanni in Laterano), il Concordato (che regolava i rapporti tra la Santa Sede e l’Italia) e l’accordo finanziario (che stabiliva un indennizzo a favore della Chiesa in seguito alla rinuncia a qualsiasi rivendicazione sul vecchio Stato Pontificio).
Mentre i giornali stranieri criticarono ampiamente la «santa alleanza», la stampa fascista celebrò l’apoteosi del duce. Lo stesso Pio XI definì Mussolini «uomo della Provvidenza», cancellando in un colpo solo il suo passato di mangiapreti socialista.
Fu davvero così? Qual è l’eredità di quei Patti considerati allora provvidenziali? E che cosa è rimasto, oggi, dello spirito del ’29, anche dopo la revisione concordataria del 1984 voluta dal presidente del Consiglio Bettino Craxi? A novant’anni da quello storico accordo, il libro cerca di rispondere a tante domande, interrogandosi inoltre sul futuro dei rapporti tra libera Chiesa in libero Stato.

pulsante torna su