Ultime notizie:

  data news TUE 11 Aug Ferrarini, Intesa Sanpaolo guida la cordata per il rilancio        data news TUE 11 Aug Gasperini "Col Psg è dura ma c'è fiducia di poter fare bene"        data news TUE 11 Aug Coronavirus, nuovi casi in rialzo        data news TUE 11 Aug Roma, da Grillo via libera a Raggi per la ricandidatura "Daje!"        data news TUE 11 Aug Bonus Inps, Garante Privacy "Niente ostacoli a pubblicazione dei nomi"       

SAVONA LA CELEBRAZIONE DEL 4 NOVEMBRE

data news
MON 4 Nov 2019 | Notizie - Manifestazioni / Eventi - Savona
SAVONA LA CELEBRAZIONE DEL 4 NOVEMBRE

Il discorso del Sindaco di Savona, Ilaria Caprilogio, in occasione del 4 Novembre.
Autorità civili, militari e religiose, cari Concittadini e Concittadine Vi ringrazio per essere intervenuti numerosi in occasione della celebrazione del 4 Novembre, Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate in cui ricordiamo la fine della Prima Guerra Mondiale, in cui rendiamo omaggio ai Caduti italiani di tutte le guerre, in cui onoriamo l'impegno delle Forze Armate.
Desidero rivolgermi, soprattutto, ai giovani affinché non dimentichino i Caduti in Guerra, morti per gli ideali di indipendenza, di libertà, di democrazia; valori da non considerare mai scontati, valori da continuare a difendere con spirito critico e vigile senza cedere al sentimento dell'indifferenza.
È un onore e un privilegio poter esprimere, a nome della Città di Savona, gratitudine per il senso di responsabilità e l'amore verso la Patria che, quotidianamente, dimostrano attraverso azioni concrete le Forze Armate: un esempio per tutti i Cittadini.
Ricordo anche le missioni che le Forze Armate svolgono all'estero, in tutti quei luoghi di desolazione e morte, odio etnico e razziale, fanatismo religioso in cui i nostri soldati hanno sempre saputo portare alto il nome del nostro Paese, esportando la pace: unico baluardo contro la crudeltà della guerra.
Il 4 Novembre è anche l’occasione per soffermarci a riflettere sui diritti ma, soprattutto, sui doveri impressi nella Carta Costituzionale: le violenze, i soprusi verso chi è diverso, chi è più debole devono non solo essere condannati ma estirpati dalla nostra società.
Per giungere a una società equa la nostra Storia e la nostra Carta Costituzionale devono essere conosciute, soprattutto, dai giovani. La Scuola e le Istituzioni hanno il compito di trasmettere ai Cittadini di domani il senso di appartenenza allo Stato, il riconoscersi sotto il Tricolore simbolo di un popolo che trova la sua identità nei principi di uguaglianza, fratellanza, giustizia.
Sono, purtroppo, agli onori della cronaca i tanti e quotidiani attacchi alle Istituzioni, Istituzioni che, invece, andrebbero sempre strenuamente difese in quanto rappresentano la più nitida espressione della nostra Democrazia.
Desidero concludere con le parole che custodisco nel cuore da vent'anni, sono le parole contenute nel messaggio di Giovanni Paolo II, formulato in occasione della XXXII Giornata mondiale della Pace:
“Il segreto della pace vera risiede nel rispetto dei diritti umani e sviluppare una cultura dei diritti umani è responsabilità di tutti noi.”

pulsante torna su