Ultime notizie:

  data news Oggi Trump lancia un piano per la pace Israele-Palestina        data news Oggi Di Maio "Preoccupati per le violazioni della tregua in Libia"        data news Oggi IMPERIA GLI STUDENTI DELLA SAURO HANNO PRESENTATO LE PICCOLE OPERE DI MECCANICA ISPIRATE AI DISEGNI DI LEONARDO DA VINCI        data news Oggi ROMA DOMENICO ABBO HA INCONTRATO I TECNICI DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE PER I LAVORI DEL TUNNEL DI TENDA        data news Oggi REGIONE LIGURIA APPROVATA NUOVA LEGGE SUI TRASPORTI SANITARI       

AIRC, MOSTRA PERSONALE DI TERESA MAGGIORE 'ARTE SCIENZA E...LETIZIA' A FAVORE DI RACCOLTA FONDI

data news
MON 29 Oct 2018 | Notizie - Solidarietà
AIRC, MOSTRA PERSONALE DI TERESA MAGGIORE 'ARTE SCIENZA E...LETIZIA' A FAVORE DI RACCOLTA FONDI

Sabato 17 Novembre dalle ore 17, presso la Galleria d’Arte Il Cerchio Cromatico, si inaugura la mostra personale di Teresa Maggiore a favore della raccolta fondi per una Borsa di studio “Le Falchette di Airc.
Artista ligure la cui ricerca ha individuato, nella disciplina pittorica, la sua ideale traduzione formale e la più idonea interpretazione di visioni quotidiane tese ad armonizzare la realtà con l’universo interiore dell’artista.

Scrivono di lei:
“ Vedendo i suoi lavori posso dire che il rigore e l’equilibrio mi hanno interessato così come posso dire che Lei sia approdata all’attuale espressione attraverso la lezione di Mondrian e lo studio del razionalismo astratto di Bruno Munari e Radice. Così è giunta ad una forma espressiva caratterizzata da una rigorosa scansione degli spazi, dove il colore, usato nei toni primari, viene organizzato in una precisa ed equilibrata costruzione. Tutto è disposto e reinventato attraverso contaminazioni, derivate dalla realtà, che costituiscono il tratto personale ed originale della sua ricerca.”
Mario Moneta

“La pittura di Teresa Maggiore si ispira all’Astrattismo Geometrico, movimento artistico nel quale prevale l’aspetto geometrico delle forme e l’uso prevalente dei colori primari: giallo, rosso, blu.
Nella composizione geometrica di Teresa Maggiore vi è un equilibrio e un’armonia che raggiunge la liberazione della forma naturale e da vita ad un astratto di segni geometrici, liberi da rigide strutture formali.
Quadri che concedono al colore di assumere variabili estensioni in una modulare forma il cui disegno conchiude il colore, dove la linea divide in comparti ogni possibile soluzione di continuità e le superfici si uniscono tra di loro in un armonico alternarsi di colori caldi e di colori freddi, costituendo un gradevole tessuto variopinto dove emergono le forme di un pensiero dinamico e plastico, su cui preme l’analisi costruttiva composta dall’astrazione geometrica, nella costante ricerca, da parte di Teresa Maggiore, di una componente astratta più lirica e spirituale.
Opere, le cui composizioni si trasformano in un’astratta tassellatura cromatica dove il dato naturale diventa emozione interiore e dove l’equilibrio estetico esprime una nuova armonia, ed è proprio a questa armonia e a questo equilibrio estetico che l’immaginazione e gli interessi di Teresa Maggiore si ispirano.”
Leonardo Alberto Caruso

“Le sue tele dalle scansioni tematiche rigorose e calibratissime avvincono per il phatos tensivo tra l’assetto geometrico dei soggetti, la razionalità astratta e l’esplodenza cromatica affidata al rigore dei colori primari, sostentato dalla presenza inquietante e provocatoria di figure paradigmatiche. Ne risultano opere dipinte di intrepida pregnanza estetica, che sottendono una stesura originale del tratto e dell’ensemble coloristico: effetti di una specifica distinzione d’indagine che supera l’essenzialità della geometria per addentrarsi in una “zona” di linguistica poetica e proiezione etica”.
Giannina Scorza

“Finalmente vedo qualcosa di originale.
Sono interessanti questi labirinti dove la figura cerca la sua strada.
Composizioni armoniche che vivono negli spazi del nostro tempo”.
Rosario Lo Re


Note biografiche
Nel 1966 si diploma presso il Liceo Artistico “Nicolò Barabino” di Genova dove studia con i maestri Aldo Bosco, Libero Verzetti, Lorenzo Garaventa e Stefano D’Amico.
Dopo il diploma si trasferisce a Milano dove inizia a dipingere frequentando l’ambiente artistico milanese e partecipando anche a mostre collettive in Lombardia. Nel 1968 conosce Giuseppe Motti, dal quale apprende lezioni di vita e di pittura, e nel 1973 conosce e si avvicina a Bruno Munari e al suo metodo progettuale.
Dal 1967 al 1969 frequenta la Facoltà di Architettura di Milano e dal 1968 al 1974 insegna Educazione Artistica e Disegno, presso istituti medi e superiori, pubblici e privati, della provincia di Milano.
Nel 1975, si abilita all’insegnamento dell’Educazione Artistica.
Rientrata a Genova nel 1975, sospende l’attività artistica e, dopo una significativa esperienza manageriale in Multinazionali di servizi, dal 1986 intraprende un’attività imprenditoriale nell’area della Formazione e dello sviluppo delle Risorse Umane, attività che termina alla fine del 2013.
Nel 2011 si iscrive alla Facoltà di Architettura dell’Uni.Te. di Genova e, dopo anni di inattività nel campo artistico, ritorna con passione a dipingere.
Nel 2014/2015 frequenta il corso libero di pittura dell’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova e dal 2015 è socia del Centro d’Arte La Spiga.

La Mostra Arte, Scienza e …Letizia presenta un nutrito corpo di opere
(circa 25 eseguite in acrilico su tela, la maggior parte 60x060)
Inaugurazione: sabato 17 Novembre dalle ore 17 con degustazione di vini in
abbinamento con la Sommelier Letizia Miraudo.
La degustazione verrà ripetuta sabato 24 e venerdì 30 novembre 2018.
Venerdì 30 novembre verrà anche sorteggiata un’opera dell’artista tra i sostenitori della raccolta fondi per la
Borsa di studio “Le Falchette di Airc”
Luogo: Piazza Piccapietra, 63 r. – tel. 3808625700
Orari: dal lunedì al sabato dalle 10,00 alle 12 e dalle 15 alle 19,30, fino al 30 Novembre

pulsante torna su