Ultime notizie:

  data news Ieri CORINI FERMA MONTELLA, BRESCIA-FIORENTINA SENZA RETI        data news Ieri CONCLUSO A MONTECARLO TENNIS TROPHY FIT KINDER + SPORT 2019        data news Ieri WHIRLPOOL, IL 31 OTTOBRE SCIOPERO GENERALE A NAPOLI        data news Ieri SALVATORE ROSSI NOMINATO PRESIDENTE DI TIM        data news Ieri MANOVRA, CONTE INCONTRA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA       

LAVORI ALLA PISCINA, A IMPERIA COMITATO DI CITTADINI CHIEDE LA RIAPERTURA DELL’IMPIANTO

data news
WED 9 Oct | Servizi - Attualità

A Imperia si è formato un comitato composto da 150 cittadini, che chiede la riapertura della piscina comunale Felice Cascione, chiusa dal 15 giugno scorso. Nell’impianto infatti lo scorso 2 luglio erano stati avviati lavori di riqualificazione, finalizzati alla manutenzione straordinaria e al ripristino di porzioni degradate della copertura, che sarebbero dovuti terminare a metà settembre. L’Amministrazione comunale ha però deciso di incrementare l’intervento, già del costo di oltre un milione di euro, con il rifacimento di una porzione della vasca grande e i tempi di riapertura sono quindi slittati in avanti, costringendo la Rari Nantes che gestisce la piscina a trovare soluzioni alternative fuori città per i propri allenamenti, con conseguenti pesanti contraccolpi anche sulla scuola nuoto. Da qui l’intervento del Comitato Pro Cascione, preoccupato e critico riguardo al rispetto dei tempi dei lavori, già slittati, e che per questo chiede come data certa e improrogabile della riapertura la fine dell’anno o, in alternativa, il ripristino immediato della vasca grande, con lo spostamento dei lavori che la riguardano nell’estate 2020, nel periodo di chiusura della Felice Cascione. Il comitato in una nota chiede chiarezza e risposte all’Amministrazione comunale in merito alla responsabilità e alle tempistiche degli interventi previsti, a seguito di decisioni che il gruppo di cittadini giudica in modo negativo in quanto di fatto hanno avuto una pesante ricaduta in termini di disagi organizzativi, economici, a carico della società, delle famiglie e dei cittadini, oltre alla messa a repentaglio della stagione agonistica per chi pratica nuoto e pallanuoto.

pulsante torna su