Ultime notizie:

  data news Oggi 406 casi di Coronavirus in Lombardia, la meta' senza sintomi        data news Oggi Coronavirus, Abi chiede di sospendere le norme sui crediti deteriorati        data news Oggi Gallinari sigla 24 punti e trascina Oklahoma City nella notte Nba        data news Oggi CORONAVIRUS, REGIONE LIGURIA: IL PRESIDENTE TOTI TELEFONA AL MINISTRO DI MAIO: “NO A INGIUSTIFICATE MISURE RESTRITTIVE APPLICATE DA ALTRI STATI VERSO EXPORT ITALIANO”        data news Oggi CORONAVIRUS, ARDENTI LEGA: MEDICI E INFERMIERI IN LIGURIA SENZA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE, LASCIATI SOLI DAL GOVERNO       

ALBENGA, IL COMUNE IN PRIMA LINEA IN DIFESA DELL’OSPEDALE SANTA MARIA DI MISERICORDIA

data news
SAT 31 Aug 2019 | Servizi - Attualità - Albenga

L’Amministrazione comunale di Albenga, guidata dal sindaco Riccardo Tomatis è scesa in campo in prima linea in difesa dell’ospedale cittadino Santa Maria di Misericordia. Il Consiglio comunale ha votato a maggioranza una delibera per salvaguardare la struttura ospedaliera e all’unanimità un ordine del giorno relativo alla costituzione di una Commissione temporanea speciale di studio per il potenziamento del nosocomio. Il sindaco ha spiegato che la questione dell’ospedale non deve avere colore politico perché è importante per il bene di tutti. Tomatis ha anche detto di «non essere contro qualunque tipo di privatizzazione, ma di essere contrario all'affidamento ai privati della gestione dell'ospedale», in quanto bisogna considerare la realtà del territorio e i rischi che si corrono attraverso questo processo. Dopo l'affidamento della gestione dell'ospedale all'Irccs Istituto Ortopedico Galeazzi (Gruppo San Donato), il Policlinico di Monza ha presentato ricorso al Tar, di fatto bloccando l'iter di privatizzazione. In conseguenza dell'accoglimento del ricorso, l'ospedale di Albenga, già impoverito di numerosi servizi, vive oggi un momento di incertezza riguardo al suo futuro. Nell’ordine del giorno si chiede alla Regione che «nelle more dell'assegnazione ai privati, non vengano ulteriormente interrotti i servizi essenziali per la sanità pubblica e anzi vengano ripristinati i servizi precedentemente sospesi.

pulsante torna su