Ultime notizie:

  data news Ieri IMPERIA : LA GINNASTICA RITMICA RIEMPIE IL PALASPORT        data news Ieri IL PRESIDENTE DI ANCI LIGURIA MARCO BUCCI SU DECRETO GENOVA E APPALTI        data news Ieri AGENZIA DIRE TG SCIENZA : LE MISSIONI APOLLO        data news Ieri PONTE MORANDI: IL PROCURATORE DI GENOVA ATTENDE ULTERIORI ACCERTAMENTI TECNICI        data news Ieri TOTI ESPRIME SODDISFAZIONE PER L’ULTIMA STESURA DEL DECRETO GENOVA       

ENTRO FINE OTTOBRE PRONTA LA NUOVA STRADA DI MONESI

data news
WED 16 May | Servizi - Attualità - Liguria

Sarà pronto a fine ottobre, con l’avvio della stagione invernale, il bypass della strada provinciale di Monesi di Mendatica, crollata nel 2016 a seguito della frana causata dalle abbonanti piogge fra il 23 e il 24 novembre. Entro l’autunno sarà invece completata l’attività geognostica e di monitoraggio del ponte sul rio Bavera, che consentirà la riapertura del collegamento con il Piemonte. È quanto emerso oggi nel corso della riunione svoltasi in Regione a Genova, alla presenza degli assessori all’Urbanistica Marco Scajola e all’Agricoltura Stefano Mai e dei tecnici degli assessorati allo Sviluppo Economico, alle Infrastrutture e al Turismo. L’incontro è stato propedeutico all’attivazione di un tavolo istituzionale chiesto dal Comune di Mendatica, che coinvolgerà le Amministrazioni locali dell’Imperiese e i Comuni del basso Cuneese, interessati al rilancio della valle. Fino ad oggi la Regione Liguria ha stanziato 1,4 milioni di euro, provenienti in parte dalle accise 2016 (900mila) e in parte dal fondo strategico regionale (500mila) che serviranno a finanziare gli interventi previsti. Tutto questo in attesa che lo Stato stanzi i fondi a favore dei privati danneggiati dall’alluvione di un anno e mezzo fa, che ha distrutto alcune abitazioni. Dopo la riunione di oggi, è prevista la convocazione, entro fine mese, del tavolo istituzionale che coinvolgerà tutte le amministrazioni interessate. L’obiettivo sarà quello di valutare le concrete possibilità, per il riavvio degli impianti sciistici di Monesi di Triora, e per gli altri interventi necessari per far ripartire un territorio duramente colpito.

pulsante torna su