Ultime notizie:

  data news Ieri SPORT : MILANO-SANREMO DI CICLISMO 2019 VINCE IN VOLATA IL FRANCESE JULIAN ALAPHILIPPE        data news Ieri OMICIDIO MEDICO LEGALE DI SANREMO, AD APRILE L’INCIDENTE PROBABORIO        data news Ieri IL COMUNE DI IMPERIA PUNTA SULLE INFORMAZIONI TURISTICHE DIFFUSE        data news Ieri IL 28 MARZO CONSIGLIO COMUNALE A TAGGIA PER BILANCIO E IMPOSTE        data news Ieri I LAVORI LUNGO L' AUTOSTRADA DEI FIORI DAL 25 AL 31 MARZO 2019       

ORAFI ARTIGIANI COME I “COMPRO ORO” NEL NUOVO DECRETO SUL REGISTRO DEGLI OPERATORI

data news
WED 11 Jul 2018 | Servizi - Attualità - Liguria

Entrerà in vigore martedì 17 luglio il decreto che disciplina le modalità tecniche per l’invio dei dati e l’alimentazione del registro degli operatori “compro oro”. A essere interessate alle nuove disposizioni, non solo le imprese il cui volume d'affari deriva esclusivamente dall'acquisto di preziosi, ma anche le piccole realtà di oreficeria che svolgono questo tipo di attività solo marginalmente. «Nonostante il tentativo di Confartigianato, il decreto carica gli orafi di una serie di imposizioni burocratiche, alla faccia della semplificazione – commenta Luca Costi, segretario regionale di Confartigianato Liguria – Dalla comunicazione di dati e documenti, spesso già in possesso della pubblica amministrazione, al versamento di un contributo per la gestione del registro: si tratta di adempimenti onerosi in termini di tempo e denaro, di cui devono farsi carico le nostre piccole imprese artigiane anche se l'acquisto oro è un'attività che le tocca solo in minima parte. Sebbene sia giusto monitorare le attività sospette e favorire la disciplina dell'antiriciclaggio, anche nel circuito dei “compro oro”, riteniamo che questo debba essere fatto in una logica che sappia distinguere l'impresa che svolge un'attività manifatturiera artigiana, da quella che svolge una pura attività commerciale». In particolare, tra gli adempimenti previsti dal decreto pubblicato il 2 luglio in Gazzetta ufficiale, la necessità di attestare la presenza della licenza di Pubblica Sicurezza, peraltro non richiesta per coloro che sono iscritti all’Albo delle imprese artigiane. Il registro sarà operativo entro tre mesi a partire dall’entrata in vigore del decreto e in Liguria interesserà ben 280 micro e piccole imprese artigiane del settore orafo.

pulsante torna su