Ultime notizie:

  data news Oggi Ungheria, pieni poteri a Orban per l'emergenza Coronavirus        data news Oggi CORONAVIRUS DATI ALISA-MINISTERO, IN LIGURIA 2758 PERSONE POSITIVE AL COVID-19, 113 IN PIÙ DI IERI        data news Oggi MESSAGGIO DI CORDOGLIO DI FRATELLI D' ITALIA PER LA SCOMPARSA DI CLAUDIO GHIGLIONE        data news Oggi Coronavirus, in Lombardia un progetto da 7,5 mln per sostenere ricerca        data news Oggi L'APP DELLA POLIZIA "YOUPOL" SI AGGIORNA PREVEDENDO DI SEGNALARE I REATI DI VIOLENZA TRA LE MURA DOMESTICHE       

CARCERI, PROPOSTA DI LEGGE PER GARANTE DIRITTI DETENUTI APPROVATA DA COMMISSIONE REGIONE

data news
WED 12 Feb | Servizi - Attualità - Liguria

La Prima Commissione Affari generali della Regione ha approvato una proposta di legge volta a istituire la figura del Garante dei diritti dei detenuti. Lo ha annunciato il presidente della Commssione, il consigliere Angelo Vaccarezza di Cambiamo!. L’approvazione è giunta dopo un lungo iter e il documento ha trovato il parere favorevole dei membri della Commissione in tutti i suoi articoli. La proposta di legge in questo senso era stata avanzata a inizio legislatura dallo stesso Vaccarezza e dal consigliere di opposizione Giovanni Battista Pastorino di Linea Condivisa. In seguito l’iniziativa ha trovato anche il sostegno della consigliera, sempre di opposizione, Alice Salvatore del Movimento 5 Stelle. Vaccarezza, Pastorino e la Salvatore hanno quindi predisposto il Disegno di legge, al quale si sono affiancate altre iniziative, che sono state poi assorbite in un unico testo. Vaccarezza ha espresso viva soddisfazione per l’approvazione in Commissione del Disegno di legge e ha sottolineato che in questo modo la Liguria non sarà più fanalino di coda dell’Italia per quanto riguarda la figura del Garante dei Diritti delle persone detenute o private della libertà. Vaccarezza ha anche evidenziato come oggi sia sempre più importante l’esigenza di costituire una figura che promuova il rispetto dei diritti fondamentali delle persone recluse o comunque in condizione di limitazione della libertà personale. In base alla nuova legge, che dovrà essere approvata in aula, «il Garante favorisce la collaborazione di tutti gli Enti, del mondo associativo e degli Istituti penali, ivi compresi quelli per minori ed è promotore di interventi utili a migliorare il livello di istruzione, di formazione e garanzia delle persone».

pulsante torna su