Ultime notizie:

  data news Ieri IL PROCURATORE ALBERTO LARI SULL’ IMPERIESE FERRARO PRESO A SANREMO        data news Ieri CARIGE : PER IL MINISTRO TRIA IL GOVERNO AUSPICA SOLUZIONE PRIVATA        data news Ieri VENTIMIGLIA : LA POLIZIA DI STATO BLOCCA IN FLAGRANZA UNO STRANIERO AFGHANO MENTRE MINACCIA UN COMMERCIANTE        data news Ieri EUROPEE 2019 SILVIO BERLUSCONI SI CANDIDA        data news Ieri 8.800.000 EURO PER INIZIATIVE FORMATIVE A FAVORE DI GIOVANI DISOCCUPATI E INOCCUPATI       

PROSEGUONO LE BATTAGLIE LEGALI SUL PORTO DI IMPERIA

data news
FRI 14 Sep 2018 | Servizi - Cronaca - Imperia

Non accennano a diminuire le battaglie legati legate al nuovo porto turistico di Imperia. La società Ambi Spa, titolare di alcuni posti barca, dopo aver perso in primo grado, continua la sua lotta per ottenere danni a seguito del mancato godimento dei proprio diritti e ha ora avanzato ricorso in Appello. La Ambi Spa in sostanza intende ottenere un risarcimento di oltre 870 mila euro da parte del Comune di Imperia, a seguito della mancata ultimazione dello scalo che avrebbe dovuto essere realizzato dalla Acquamare Srl, società legata al Gruppo Acqua Marcia, all’epoca dei fatti guidato dall’imprenditore romano Francesco Bellavista Caltagirone. La cifra che i privati intendono ricevere è quella che avevano versato per l’acquisto di posti barca e posti auto nel porto turistico. Il Comune ovviamente si oppone ed ha affidato la sua difesa all’avvocato Riccardo Salvadori, con un costo di oltre 22 mila euro

pulsante torna su