Ultime notizie:

  data news Oggi CARIGE, VIA LIBERA AL PIANO DI SALVATAGGIO        data news Oggi BOCCIA "STABILITÀ DI GOVERNO DETERMINANTE, SERVE POLITICA DI CRESCITA"        data news Oggi INTESA SANPAOLO, 100 MILIARDI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE        data news Oggi GENOVA SALONE NAUTICO LA RICHIESTA AL NUOVO GOVERNO DI UN CHIARIMENTO SULL’AUMENTO DEI CANONI DEMANIALI        data news Oggi IMPERIA INEJA FOOD A CONIO PER LA FESTA PATRONALE DI SAN MAURIZIO       

RIVIERACQUA, PARTE L’OFFENSIVA SUI COMUNI: INGIUNZIONI DI PAGAMENTO PER OLTRE 2 MILIONI

data news
THU 23 May | Servizi - Cronaca - Imperia

Rivieracqua ha dato mandato allo studio legale Maurizio Boeri e Gabriella Lo Presti di Sanremo di depositare in Tribunale a Imperia undici ingiunzioni di pagamento per altrettanti Comuni del territorio morosi nei pagamenti di interventi straordinari di manutenzione, per un totale che supera i due milioni di euro. I Comuni che riceveranno le ingiunzioni nei prossimi giorni sono Andora, Borghetto d’Arroscia, Castellaro, Cervo, Cipressa, Civezza, Costarainera, Dolcedo, San Lorenzo al Mare, San Bartolomeo al Mare e Vallecrosia. In totale i crediti che la società pubblica di gestione del ciclo idrico imperiese e andorese vanta nei confronti dei Comuni si aggirano sui sei milioni e quindi questa potrebbe essere soltanto una prima tranche dell’offensiva che Rivieracqua ha avviato per cercare di tenere in piedi il concordato preventivo presentato allo stesso Tribunale imperiese. Il giudice ha infatti stoppato il concordato e imposto alla società di integrarlo con gli atti di sottoscrizione da parte dei Comuni soci del nuovo statuto e dei denari relativi ai costi cosiddetti accessori. Di contro il presidente di Riveracqua Gian Alberto mangiante ha avviato una verifica delle posizioni debitorie di tutti i Comuni e presto dovrà affrontare anche la questione del subentro all’Amat di Imperia, non inserito nel piano concordatario e anch’esso rientrante fra le richieste avanzate dal giudice. Mangiante ha quindi preso tempo e chiesto al Tribunale almeno 60 giorni per aggiornare il piano.

pulsante torna su