Ultime notizie:

  data news Ieri BELOTTI NON BASTA, TORINO SCONFITTO DAL LECCE        data news Ieri MATTARELLA "LA SCUOLA HA GRANDI MERITI E QUALITÀ STRAORDINARIE"        data news Ieri UNGHERIA ATTACCA L'ITALIA SUI MIGRANTI, DI MAIO "GIUDIZI STRUMENTALI"        data news Ieri SARZANA COMINCIATI I LAVORI SULL'ARGINE DEL PARMIGNOLA        data news Ieri REGIONE LIGURIA SPORT PRO RECCO JUDO PRESENTA SQUADRA AGONISTICA IN OCCASIONE DEI 50 ANNI DELLA SOCIETA’       

MARINAIO INGLESE DI 23 ANNI MUORE CADENDO DAL TETTO DELL’EX SALSO A IMPERIA

data news
THU 22 Aug | Servizi - Cronaca - Imperia

Un marinaio inglese di 23 anni, imbarcato su uno yacht ormeggiato a Imperia Porto Maurizio, è stato trovato morto la scorsa notte all’interno del deposito ex Salso di Borgo Marina. Stando a quanto ricostruito finora dagli investigatori, il giovane era salito sul tetto della struttura, probabilmente arrampicandosi dall’esterno attraverso i vecchi tubi per lo scarico dell’olio dalle navi, oppure attraverso una grondaia. Il suo intento, come testimonierebbero dei video inviati alla sorella con il cellulare, ritrovato sul posto, sarebbe stato quello di filmare la sua prodezza. Non si esclude che il ragazzo fosse un appassionato del cosiddetto “parkour”, vale a dire l’assurda moda di saltare da un edificio all’altro, in voga fra molti giovani. Il marittimo ventitreenne è però salito su un lucernario che non ha retto il peso e si è sfondato facendolo precipitare per una decina di metri. Caduto a terra il ragazzo si è trascinato per una ventina di metri, segno che la morte non sarebbe avvenuta immediatamente. La tragedia si è verificata nella notte fra lunedì e martedì, ma il ritrovamento del corpo è avvenuto soltanto la scorsa notte, dopo che la sorella del giovane ha dato l’allarme e fornito indicazioni a Polizia e Vigili del fuoco circa il possibile luogo della tragedia, proprio grazie ai video che il ragazzo aveva girato pochi istanti prima di morire. Quei video, così come i filmati delle telecamere di sorveglianza del porto turistico sono ora al vaglio della Squadra mobile che sta compiendo tutti gli accertamenti del caso. Fra l’altro nella notte in cui è avvenuta quella che a tutti gli effetti sembra un’assurda disgrazia, i carabinieri erano intervenuti al vicino Museo navale dove era scattato l’allarme. Non si esclude che a farlo scattare sia stato proprio lo stesso giovane. Che potrebbe aver aperto una delle porte di sicurezza del tetto della struttura. Un’altra ipotesi al vaglio degli inquirenti, che comunque cambia di poco la dinamica dei fatti. Resta solo da accertare con sicurezza che il ragazzo al momento della tragedia fosse da solo o meno.

pulsante torna su