Ultime notizie:

  data news Oggi PIEVE DI TECO, SOCCORSI PER CACCIATORE IN UN DIRUPO        data news Ieri VENTIMIGLIA : ITALIANO TROVATO IN POSSESSO DI 15 GR DI COCAINA. ARRESTATO DALLA POLIZIA DI STATO.        data news Ieri CONTROLLI PREVENTIVI SUL TERRITORIO DELL' ARMA DEI CARABINIERI        data news Ieri ARMA DI TAGGIA. CONTROLLO DELLA POLIZIA DI STATO ALLA DISCOTECA TATANKA        data news Ieri CESIO: PER LA FESTA DI SANTA LUCIA ANCHE LA PRESENTAZIONE DEL ROMANZO DI LUIGI MATTIOLI       

SANREMO : LA REGIONE DECLASSA GASTROENTEROLOGIA

data news
THU 9 Aug | Servizi - Cronaca - Sanremo

Si è svolto stamani un’incontro a Palazzo Bellevue e voluto dall’Amministrazione Comunale per affrontare un problema sulla sanità pubblica locale. Un confronto servito per chiedere subito una convocazione urgente della conferenza dei sindaci per difendere l’eccellenza del reparto di Gastroenterologia dell’ospedale Borea, declassata da struttura complessa a semplice con un provvedimento della giunta regionale. Presenti oltre ai gruppi consiliari di Sanremo al Centro, Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Sanremo Attiva e Sanremo Insieme, anche l’Onorevole pentastellata Leda Volpi e il dottor Massimo Conio, attuale primario di Gastroenterologia sono intervenuti al tavolo di confronto. Il Dott. Conio è alla guida del reparto matuziano dal 2004 ed è visto in Europa come una delle poche eccellenze del panorama sanitario della Riviera. “Ho passato anni a dire alla Regione - riferito Massimo Conio - che bisogna abbattere le liste d’attesa, sono stato letteralmente inascoltato. Non ho mai ricevuto nemmeno una risposta da parte dell’Asl e della Regione. Se si toglie la possibilità di trattare le emergenze a Sanremo, si rendono conto i politici di cosa vuol dire trasferire un caso complicato fino a Pietra Ligure?”. Ci saranno motivazioni politiche dietro alla scelta dell’assessore regionale Sonia Viale? A domandarselo, senza troppi giri di parole, è stato il capogruppo della maggioranza del sindaco Biancheri Alessandro Sindoni: “Abbiamo già perso come città altri reparti d’eccellenza. La vedo come una ritorsione politica da parte della Regione. Valuteremo di ricorrere al Tar contro la delibera della giunta Toti”. Inoltre dicono “Si continua nel disegno di indebolire Sanremo e portare avanti la privatizzazione della sanità pubblica”. All’interrogazione urgente presentata al ministro Giulia Grillo, da parte dell’Onorevole Volpi, è stata decisa oggi di inoltrare all’attenzione dell’assessore regionale Viale e al direttore dell’Asl 1 imperiese Damonte Prioli, una richiesta di convocazione urgente.

pulsante torna su