Ultime notizie:

  data news Ieri SPORT : MILANO-SANREMO DI CICLISMO 2019 VINCE IN VOLATA IL FRANCESE JULIAN ALAPHILIPPE        data news Ieri OMICIDIO MEDICO LEGALE DI SANREMO, AD APRILE L’INCIDENTE PROBABORIO        data news Ieri IL COMUNE DI IMPERIA PUNTA SULLE INFORMAZIONI TURISTICHE DIFFUSE        data news Ieri IL 28 MARZO CONSIGLIO COMUNALE A TAGGIA PER BILANCIO E IMPOSTE        data news Ieri I LAVORI LUNGO L' AUTOSTRADA DEI FIORI DAL 25 AL 31 MARZO 2019       

TG RIABILITAZIONE : POLICLINICO GEMELLI, INTERVENTI PIÙ SICURI GRAZIE A SUPPORTO ECOGRAFICO

data news
WED 9 Jan | Speciali - Salute - Fuori Liguria

L’ecografia è il ‘terzo occhio’ del medico. A sostenerlo sono i ricercatori dell’Unità Operativa di Neuroriabilitazione ad Alta Intensità della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Irccs coordinati dal Responsabile Luca Padua. Le evidenze scientifiche raccolte dal docente di Neurologia all’Università Cattolica e Referente Scientifico della Fondazione Don Carlo Gnocchi, che ha lavorato insieme ai dottori Daniele Coraci e Claudia Loreti, sono state pubblicate in forma di lettera sulla prestigiosa rivista New England Journal of Medicine. Nel caso d’interventi chirurgici, l’ecografia può essere usata per conoscere bene la condizione anatomica del nervo e delle strutture circostanti in fase pre-operatoria, ovvero ‘a cielo chiuso’. Questo permette di pianificare l’intervento con maggiore sicurezza, conoscendo e preparando le procedure da attuare. Attualmente, l’utilizzo del supporto ecografico in questo tipo di interventi è limitato solo ai centri altamente specializzati in quanto ancora di recente introduzione e richiede un’elevata esperienza da parte del medico. L’auspicio è che sempre di più ci si avvalga di questa metodica nello svolgimento di operazioni neurochirurgiche agli arti.

pulsante torna su